Grecia-alberghi: Grecia, isole greche, viaggio

Grecia Tradizioni



La Grece et les iles grecques: Selectionner votre destination



Grecia Tradizioni: Informazioni sulle tradizioni della Grecia

 

Grecia Tradizioni: Informazioni sulle tradizioni in Grecia Le tradizioni in Grecia sono o di carattere religioso o provengono dal paganismo, in piu la maggior parte delle tradizioni e dei festivals celebrati ancora oggi sono religiosi. Molti greci sono persone molto superstiziose e credono molto alla religione, come anche in fenomeni soprannaturali o paranormali.

Le tradizioni e le superstizioni variano da isola a isola da villaggio a villaggio e da regione a regione. Queste sono alcune delle innumerevoli tradizioni greche ancora oggi mantenute dai Greci(vecchi e giovani).

Scegliete la vostra destinazione
La Grecia e una delle destinazioni europee preferite.
Questa sezione e una guida completa alle differenti regioni del paese con molte foto, desrizioni e una vasta gamma di sistemazioni con animazioni virtuali a 360° ed altro...

Più info
Rassegna di foto
 

FESTIVITA TRADIZIONALI GRECHES
Onomastici
La maggior parte dei greci hanno nomi provenienti da Santi. La grande tradizione greca seguita nell’intera Grecia e che chiunque abbia un nome proveniente da un santo celebrato dalla chiesa , celebra il giorno del suo onomastico festeggiando. In quel giorno i suoi amici e la sua famiglia vanno a fargli visita senza invito e gli porgono auguri (di lunga vita, di molti anni ecc) e piccoli regali. Il capo di casa offre dolci, paste antipasti agli ospiti. In Grecia gli onomastici sono piu importanti dei compleanni.
Fidanzamento
E’ un’abitudine in Grecia che riguarda persone che si fidanzano. L’uomo chiede la mano della donna che ama a suo padre. Quando si mettono d’accordo per il matrimonio viene invitato un prete per benedire le fedi che mette sulla mano sinistra dell’uomo e della donna. Gli invitati augurano “kala stefana”(buone coroncine=buon matrimonio) e “I ora i kali”(che venga la buona ora=buon matrimonio). Quest’ usanza viene seguita principalmente fuori Atene(nelle isole e nel resto della Grecia, nei villaggi), citta in cui tende a scomparire.

Matrimonio
In alcune parti della Grecia, la sposa ha la dote preparatale dalla madre o dalle nonne o dalle zie, e consiste in lenzuola, asciugamani e ricami fatti a mano. Il padre della sposa offre una casa ammobiliata a sua figlia e allo genere come regalo di nozze. Oggi ad Atene e nelle grandi citta la sposa non porta piu necessariamente la dote. Nel giorno del matrimonio la sposa si veste, viene aiutata da amiche e da donne della famiglia e viene nascosta allo sposo perche e di cattivo augurio per lo sposo vedere la sposa prima della cerimonia.

Durante la cerimonia del matrimonio, il compare e la comare(cumbaro e cumbara) danno le fedi al prete e incrociano le coroncine(stefana) su ciascuno per tre volte e le mettono sulle teste della coppia. Durante la danza di Isaia (appene il prete li ha sposati) gli invitati lanciano riso, confetti (cufetta) alla nuova coppia. Dopo la cerimonia gli sposini rimangono in chiesa in fila e tutti gli invitati li salutano e li baciano augurandogli “na zisete”(lunga vita a voi). Poi tutti vanno al ricevimento (di solito in un ristorante) dove ballano, mangiano e bevono per tutta la notte. Dopo il ricevimento gli sposini partono per la loro luna di miele.

Battesimo
Il giorno del battesimo e uno dei giorni piu importanti nella vita di un ortodosso. Il sacramento del battesimo di solito viene celebrato nel primo anno d’eta, il bambino viene chiamato bebi(non ha un nome ancora) prima di essere battezzato. Il bebi viene spogliato e avvolto in un’asciugamano bianca. Quando il prete benedice l’acqua della fonte battesimale aggiungendovi olio di olive, portato dai padrini, immerge poi il bambino nell’acqua santa dicendo il nome scelto( di solito quello del nonno o della nonna). Il bambino, vestito di panni bianchi, riceve il sacramento dal prete che lo benedice, e che gli mette una catena d’oro con la croce al collo dandogli cosi la sua prima comunione. Alla fine della cerimonia i genitori baciano la mano dei padrini e ricevono gli auguri degli invitati:”na sas zisi”(lunga vita al vostro bambino). La cerimonia viene seguita da una festa a casa della famiglia o in un ristorante.
Carnevale
In Grecia il carnevale viene chiamato “Apokries” e consiste in due settimane di festa che finiscono con l’inizio della quaresima, un lunedi chiamato “Lunedi pulito(Kathari deftera). Tutti sono in costume e festeggiano nelle strade e nei bar gettando l’uno all’altro coriandoli colorati. La piu famosa parata di carnevale si svolge nella citta di Patrasso dove tutti ballano e bevono per tutta la notte e il giorno. Questa usanza si crede che provenga dal paganesimo e precisamente dalle antiche festivita di culto per Dioniso, dio del vino e della festa.
Lunedi pulito(Katari deftera)
E’ il primo giorno della Quaresima(Saracosti) durante il quale le famiglie vanno fuori per pic-nic e per far volare l’aquilone, simbolo della giornata.

Pasqua
La Pasqua e la piu importante celebrazione per I Greci, anche piu del Natale.
Le donne colorano le uova di rosso, I padrini comprano le nuove scarpe, vestiti e una candela ai figliocci, nei villaggi,le case all’esterno e le strade vengono dipinte di bianco. Il Venerdi Santo, giorno di lutto, l’Epitaffio(il sepolcro di Cristo con icone, decorato con migliaia di fiori) viene portato fuori dalla chiesa e trasportato attraverso il villaggio o il vicinato (nelle grandi citta) al cimitero seguito da una lenta processione.

Al cimitero ognuno accende una candela per il proprio defunto; alla fine , l’Epitaffio con la sua processione ritorna in chiesa dove i credenti baciano l’immagine del Cristo. Durante la notte del Sabato Santo (Megalo Savato), tutti si vestono bene e vanno in chiesa dove si svolge una cerimonia.Un po prima della mezzanotte il prete spegne tutte le luci della chiesa, simbolizzando le tenebre e il silenzio della tomba; a mezzanotte il prete accende una candela dalla Fiamma Eterna, cantando “Cristos Anesti”(Cristo e risorto) e offre la fiamma alla gente piu vicina a lui. Ognuno passa la fiamma all’altro mentre i preti cantano il canto bizantino Cristos Anesti. Infine, tutti escono fuori della chiesa nelle strade, le campane della chiesa suonano in continuazione e le persone sparano fuochi di artificio. Le persone dicono l’una all’altra “Cristos Anesti” e la replica a questo e “Alithos Anesti(Veramente e risorto).

La gente va a casa e divide con la propria famiglia la cena della resurrezione che consiste in Maghiriza(Zuppa di interiora di agnello), Zureki(dolce pasquale)e biscotti pasquali. Il giorno seguente, la domenica di Pasqua si passa in famiglia, intorno a un pranzo consistente in agnello arrostito(Allo spiedo) vari antipasti e molto vino e uzo. Tutti ballano e festeggiano fino a tarda sera.

Giorno dell’indipendenza greca
Il giorno dell’indipendenza greco celebra la liberazione della Grecia dalla dominazione ottomana, il 25 marzo del 1821.

28 Ottobre
Durante questo giorno I Greci celebrano il giorno in cui Metaxas disse no agli italiani che volevano entrare nel paese. E’ la celebrazione dell’eroico OXI(NO); la maggior parte dei Greci mette una bandiera greca alle finestre e dalle scuole viene organizzata una parata, in cui i bambini portano un’uniforme blu e bianca e mantengono la bandiera greca


ALCUNE SUPERSTIZIONI GRECHE

Le superstizioni greche provengono o dalla religione o dal paganesimo. Variano da regione a regione
Pane
Nei villaggi, il pane e considerato come un dono del Signore; le donne anziane benedicono il pane e fanno il segno della croce con un coltello prima di tagliarlo.
Il malocchio

Alcuni Greci, specialmente nei villaggi, credono che qualcuno puo prendere il malocchio, o “matiasma”, dal complimento e dalla gelosia di qualcuno. Una persona che ha preso il malocchio si sente di solito male, psicologicamente e fisicamente. Per evitare il malocchio chi ci crede porta un portafortuna, un piccolo occhio di vetro dipinto di blu o un braccialetto. Si crede che il blu sia il colore che scaccia il malocchio, ma si crede anche che le persone con gli occhi blu diano il malocchio. L’aglio e un altro modo per scacciare il malocchio, per questo alcune volte si appende negli angoli della casa. Molti greci credono che l’aglio e la cipolla abbiano poteri terapeutici. Se qualcuno si sente male gli consigliano di mangiare aglio.
Coltelli
I Greci non danno mai coltelli a qualcuno che glieli chiede, perche credono che se lo fanno litigheranno con quella persona, per questo lo poggiano sul tavolo e l’altra lo prende
Prete
I preti greci ortodossi vengono molto rispettati e l’usanza vuole che si baci la mano del prete quando lo si incontra; questa usanza oggi viene seguita solo nei villaggi. Si crede anche che vedere una gatta nera e un prete nello stesso giorno porti sfortuna

Sputare
Alcuni greci credono che sputare scacci il diavolo e la sfortuna lontano, ecco perche quando uno parla di cattive notizie(morte, incidenti, ecc...)gli altri sputano tre volte dicendo “ftu,ftu, ftu”. Un altro esempio e che quando qualcuno fa un complimento ad un bambino, a un adulto per la sua bellezza, contemporaneamente gli sputa tre volte addosso

Martedi 13
Contrariamente a quanto si crede in occidente, il giorno sfortunato in Grecia e Martedi 13 e non Venerdi 13.

L’espressione “Piase Kokkino”(Tocca rosso)
Quando due persone dicono la stessa cosa insieme, immediatamente dicono “piase kokkino” l’uno all’altro e tutti e due devono toccare qualsiasi oggetto rosso intorno a loro; questo succede perche i Greci credono che, dicendo la stessa cosa, le due persone litigheranno se non toccano un oggetto rosso.
Questa sezione fornisce una rassegna unica di foto fatta dai nostri fotografi: villaggi, paesaggi, spiagge, siti archeologici, vita quotidiana...

piu info
Guida della Grecia
Questa sezione fornisce guida delle piu famose regioni del paese…

piu info
Informazioni sulla Grecia
Questo sito propone molte informazioni generali:
storia, mitologia, geografia, economia, villaggi, musei, chiese, siti archeologici, festivals, religione ed altro ancora...

piu info
   
  Grecia > Cultura Grecia > Tradizioni pagina in alto
 
: Creation and Copyright by GREEKA & Photography by 360.GR